Vacanze in barca, vademecum per turisti green

Nulla da fare per Luna Rossa, l’America’s Cup rimane in Nuova Zelanda
17 Marzo 2021

Ecco una serie di consigli per turisti green. Il vademecum è utile per poter svolgere una vacanza in relax nel pieno rispetto dell’ambiente.

Cosmetici green, spesa a Km zero e differenziata anche a bordo. Una vacanza a stretto contatto con la natura, come quella in barca, può essere oltre che rilassante e piacevole anche all’insegna di un turismo sostenibile grazie ad alcuni accorgimenti utili a rispettare il mare e il suo prezioso ecosistema. Ecco i consigli per turisti green per una vacanza in barca da vivere nel rispetto dell’ambiente.

Cosmetici green.

“Si sa che l’utilizzo di creme solari e prodotti per la detergenza della persona e degli ambienti possono avere un impatto sull’inquinamento delle acque. Questo a causa di componenti o additivi non compatibili con l’ambiente. Per questo, chiunque voglia intraprendere una vacanza nel segno del turismo sostenibile, soprattutto in mare, non può fare a meno di inserire in valigia prodotti certificati ecobio”, è il primo suggerimento.

Vento in poppa.

“Prenotare una barca fornita di vela, che sia essa una barca a vela o un catamarano, e navigare soprattutto con l’ausilio del vento riducendo al minimo la navigazione a motore. Questa è una scelta che non solo permette di ridurre il rilascio di sostanze inquinanti legate all’utilizzo dei carburanti, ma regalerà anche un’esperienza più profonda e scandita dai ritmi della natura, per apprezzare appieno la comunione con gli elementi naturali, e quel pizzico di avventura in più che renderanno la vacanza indimenticabile”, propone la piattaforma.

Meno plastica, più differenziata a bordo.

“Una vacanza che si svolge così a stretto contatto con la natura non può non tenere conto della necessità di moderare l’utilizzo di questo materiale. Prediligendo, per esempio, alle bottiglie di plastica comode e colorate bottiglie termiche in metallo che riescono a mantenere la temperatura della bevanda anche per diverse ore. Fondamentale è poi un corretto utilizzo della raccolta differenziata. Lo si fa predisponendo contenitori atti a raccogliere i diversi tipi di rifiuti a bordo, per smaltirli negli appositi siti una volta attraccati al porto. Infine, è bene munirsi di borse per la spesa in fibre naturali, ecologiche e pratiche da riporre dopo l’uso. Questo per evitare di disperdere nell’ambiente sacchetti di plastica deleteri per gli abitanti del mare”.

Spesa a Km0

“Una delle regole fondamentali del turismo ecosostenibile è la spesa a Km0. Comprare prodotti freschi e di stagione quando ci si ferma in porto è il modo migliore per sostenere in maniera corretta i produttori locali. Rifornire dunque la dispensa di prodotti genuini e alimentare un circolo virtuoso a favore del territorio”, ultimo consiglio green.

Per l’articolo completo: https://www.unicaradio.it/blog/2021/07/01/vacanze-in-barca-vademecum-per-turisti-green/